domenica 27 novembre 2016

ASSEMBLEA SOCI PRO LOCO


Venerdì 25 novembre 2016 alle ore 21.00, presso la propria sede di Via Porta Soccorso, si è tenuta l’Assemblea Ordinaria dei Soci della Pro Loco di Pizzighettone per il rinnovo delle cariche sociali per il triennio 2017–2019. Presente in rappresentanza dell'Amministrazione Comunale il consigliere Veronica Valdameri.
Come da prassi il Presidente uscente, Beltrando Ghidoni, ha relazionato sull’attività dell’ultimo triennio ringraziando tutti i componenti del Consiglio Direttivo in scadenza oltre, naturalmente, a tutti i soci e volontari che con il loro prezioso operato hanno consentito la realizzazione e la buona riuscita di tutte le iniziative programmate.
Nel presentare le candidature si è ritenuto particolarmente soddisfatto per aver visto accolto dai soci l’auspicato ricambio e rinnovamento dei membri del consiglio stesso; tra l’elenco dei candidati infatti c'era la presenza di un buon numero di nuove persone pronte ad assumere un ruolo più impegnativo nell’Associazione affiancando i consiglieri più “anziani”.
Prima dell’apertura del seggio elettorale e passare alle operazioni di voto il Presidente ha dato lettura dell’ultima delibera del Consiglio Direttivo:
“Il Consiglio Direttivo della Pro Loco di Pizzighettone, nella seduta del 24 Ottobre 2016, ha deliberato di nominare la signora AMELIA PREMOLI CAPELLI, SOCIO ONORARIO con la seguente motivazione:
Per la straordinaria sensibilità dimostrata nei confronti di Pizzighettone, verso i suoi abitanti e il suo patrimonio storico, culturale e monumentale nonché per l’eccezionale amore che da sempre dimostra nei confronti della Pro Loco, Associazione che ha contribuito a fondare, e che continua ancora oggi a sostenere e a far crescere con i suoi suggerimenti e il suo operato generoso e disinteressato”.

A questa lettura ha fatto seguito, unitamente agli applausi e le congratulazioni sincere di tutti gli intervenuti, la consegna dell’attestato ad una commossa Amelia, socia della Pro Loco da alcuni decenni, consigliere per diversi mandati ed instancabile volontaria.

Dopo questa parentesi si è provveduto alle votazioni in programma, allo spoglio delle schede e alla comunicazione degli esiti che risultano essere i seguenti:
CONSIGLIO DIRETTIVO: Riconferma per i soci Alghisi Giuseppe, Bertuzzi Maria Maddalena ,
Capretto Luciano, Dioli Claudia, Ghidoni Beltrando, Ottoboni Giorgio e Tassi Emanuela mentre i
nuovi ingressi sono Capelli Paolo, Rava Gianluigi, Rocca Marco e Rossi Diego.
COLLEGIO REVISORI DEI CONTI: Bragalini Isoletta, Capelli Patrizia, Bonardi Manuela (Effettivi); Ghidoni Giuseppe, Contardi Angelo (Supplenti) 
Nella prima riunione del nuovo consiglio direttivo, convocata per lunedì 12 dicembre saranno assegnate le cariche statutarie per il nuovo triennio 2017-2019.

sabato 19 novembre 2016

SCENARI CONTEMPORANEI


Giovedì 24 novembre alle 21, presso il Centro Culturale Comunale di Pizzighettone il giornalista Fulvio Scaglione presenterà il suo ultimo libro Il patto con il diavolo. Come abbiamo consegnato il Medio Oriente al fondamentalismo e all’Isis.
Organizzata dall’Assessorato alla Cultura, l’iniziativa vuole portare all’attenzione del pubblico la situazione attuale del Medio Oriente, le cui drammatiche vicende hanno conseguenze anche sull’ Europa e sul nostro Paese. Con l’aiuto dell’autorevole ospite sarà possibile conoscere le dinamiche che stanno dietro ai complessi scenari internazionali.
Fulvio Scaglione, giornalista professionista dal 1983, è stato dal 2000 al 2016 vicedirettore di Famiglia Cristiana, di cui è ancora editorialista oltre che responsabile dell’edizione on line. Nel corso della sua carriera è stato corrispondente da Mosca. Specializzato nel settore Esteri, si è occupato di Afghanistan, Iraq e Medio Oriente. Attualmente collabora con varie testate fra le quali, oltre a Famiglia Cristiana, Avvenire, Limes, EastWest, Micromega, Lo Straniero e L’Eco di Bergamo, e con siti come Eeaston line e Gli occhi della guerra.
Ha pubblicato i seguenti libri: Bye Bye Baghdad (Fratelli Frilli 2003) e La Russia è tornata (Boroli 2005), I cristiani e il Medio Oriente (San Paolo 2008).

Per informazioni
Tel. 0372 743347 e-mail: cultura@comune.pizzighettone.cr.it

lunedì 14 novembre 2016

CONCERTO GRANDE ORGANO AMATI



La vocazione musicale del nostro territorio cremonese trova conferma nell’importante appuntamento, a ingresso libero, di sabato 19 novembre 2016 alle ore 21 nella chiesa di S. Bassiano a Pizzighettone. L’evento ha tre “protagonisti” d’eccezione.
Innanzitutto il Coro Polifonico Cremonese, diretto dal maestro Federico Mantovani. Il Coro Polifonico Cremonese ha un ampio repertorio che comprende autori come Bach, Mozart, Schubert, Puccini, Rossini, Vivaldi, e riserva particolare attenzione agli autori cremonesi, quali Marc’Antonio Ingegneri, Claudio Monteverdi, Amilcare Ponchielli.  Nella sua lunga attività, ha dato vita a due appuntamenti annuali molto apprezzati dal pubblico, i concerti di Natale e di Pasqua in Cattedrale a Cremona, e a numerose esecuzioni musicali nazionali e internazionali.
Ciò che rende peculiare la sua attività è anche l'essere diretto dal musicista compositore Federico Mantovani, autore di musica da camera, di scena, sinfonica e di importanti lavori di musica sacra, presentati con successo di pubblico e di critica sia in Italia sia all’estero.
Nella parrocchiale di Pizzighettone il Coro Polifonico Cremonese si esibirà in una composizione appunto del maestro Mantovani, il Canto di Misericordia, una complessa cantata sacra in cui si alternano il coro, una voce recitante, le voci soliste di soprano, mezzosoprano, tenore, baritono, composta in occasione del Giubileo della Misericordia indetto da papa Francesco.


L’accompagnamento musicale è affidato al terzo grande “protagonista” della serata, l’Organo Angelo Amati, che nell’occasione verrà suonato dal maestro cremonese Pietro Triacchini. Questo prezioso strumento, recentemente restaurato dalla ditta organara “Daniele Giani” di Corte de’ Frati, appartiene all’ultimo rappresentante della famiglia Amati di Pavia da annoverare tra le più rappresentative della migliore tradizione italiana. Conta più di 1600 canne con numerosi registri che ne fanno un vero gioiello dell’arte organaria. La sua potente sonorità, simile ad una vera e propria orchestra, risuonerà sotto le volte della chiesa di S. Bassiano, che conserva pregevoli opere d’arte che spaziano dal Trecento fino al Settecento e che la rendono degna cornice di un evento di tale portata.